20 Ottobre 2020
NEWS
percorso: Home > NEWS > CULTURA

Visione Olistica ed Equilibrio Armonico dell´individuo nello Sport

23-10-2015 14:18 - CULTURA
Sabato 17 Ottobre si è tenuto a Lecce presso la Sala Convegni C.O.N.I. l´evento formativo "Visione Olistica ed Equilibrio Armonico dell´individuo nello Sport" , organizzato da ACSI Lecce.
"La fisica viene prima della Chimica" , il Dott. F. Carlino è intervenuto in merito alla Medicina Integrata, Pratica Sportiva e dell´approvazione UE del 2008-13 alle Medicine non Convenzionali portando un´impostazione olistica della sanità pubblica. Il 28 Maggio 2003, l´organizzazione mondiale della sanità regolamentò le nazioni sulle medicine tradizionali e non convenzionali. Il primo organo statale che si occupò di medicina alternativa fu il NCCAM "National Center for Complementary and Alternative Medicine" per poi ne XXI secolo modificarsi in Medicina integrata. Questa modifica avvenne per via della non possibile sostituzione totale di ciò che riguarda la medicina e la sua pratica, come ad esempio un´operazione chirurgica. La medicina integrata ha da sempre avuto restrizioni nelle sue applicazioni, per via di vari ostacoli. Il primo fu quello di tipo epistemologico in quanto la medicina convenzionale ha "recinti" invalicabili, di conseguenza i due paradigmi presentano incomunicabilità tra di essi; l´ostacolo di tipo scientifico, invece, è sulla non omogeneità della medicina integrata e quello d tipo politico-culturale si rifà ai maggiori opinion leader della scienza e della loro contrarietà verso la ricerca e i servizi in ambito CAM. Ad oggi gli ostacoli epistemologico scientifico sono stati superati grazie alla PNEI (Psiconeuroendocrinoimmunologia), affermando e confermando la visione sistemica del corpo e della correlazione fra le sue varie parti. Ogni lavoro fisico muove un sistema come il cuore, respiro e persino il sistema immunitario è regolato dal sistema nervoso. La PNEI ha cercato di evitare le tentazioni di ridurre la psiche a modelli biologici o informatici e allo stesso tempo di comprendere e valorizzare il livello specifico.
La psiche, nel modello PNEI, emerge dal livello biologico, da quello alimentare e dell´attività fisica ma allo stesso tempo, retro-agisce sui tali sistemi svolgendo un ruolo determinante nell´equilibrio salute-malattia. Fin dalle antiche Cina e Grecia, la malattia venne considerata come conseguenza di un disequilibrio e di relazioni erronee tra l´individuo e l´ambiente. Le civiltà orientali da sempre sostengono l´equilibrio e armonia dello spirito come mezzo di benessere e creano politiche mediche basate sulla prevenzione. Bisogna sempre tenere a mente che il dolore non è misurabile e l´intensità di esso è nel nodo affettivo (psiche) quindi legato agli aspetti emozionali.
L´intervento del dottore A. Tornese è improntato sul "TI PIACE VINCERE FACILE?" ovvero IL DOPING. Già 3000 anni a.C. si parlò di sostanze e a fine 800 si scoprì che la stricnina più cognac ha effetto dopante.
Nel 1999 a Losanna fu istituito il WADA (Agenzia Mondiale Anti Doping), in Italia la legge 2000 n.376 definì il doping come reato penale detentivo, discorso che riguardò anche l´uso di sostanze mascheranti, il Doping. Ovviamente vi sono farmaci terapeutici che possono rientrare nella lista di sostanze dopanti come ad esempio il cortisone, in questo caso il medico curante deve sottoscrivere l´assunzione e specificare che il paziente/atleta non può evitare di non assumerlo. Tuttavia anche l´uso di farmaci leciti può diventare illecito, come ad esempio un pugile effettua due somministrazioni di anti dolorifico prima di un incontro.
Le classi di farmaci vengono revisionate ogni 6 mesi attraverso il CVD (Commissione Vigilanza su Doping). E´ punibile colui che assume le sostanze dopanti e anche colui che ne consente l´uso con detenzione dai tre mesi ai 3 anni. L´aggravante viene applicata se il fatto è stato commesso nei confronti di un minore o ha comportato danni alla salute con successiva radiazione dall´albo medico. Nel 2005 l´UNESCO riconosce la WADA e le nazioni che non accettano il divieto di doping non potranno partecipare a nessuna competizione. Il Dott. P. Cucugliato ha esposto e descritto il Qi gong del movimento naturale Il termine Qì Gōng si riferisce a una serie di pratiche e di esercizi collegati alla medicina tradizionale cinese e in parte alle arti marziali che prevedono la meditazione, la concentrazione mentale, il controllo della respirazione e particolari movimenti di esercizio fisico. Il qi gong si pratica generalmente per il mantenimento della buona salute e del benessere sia fisici sia psicologici, tramite la cura e l´accrescimento della propria energia interna (il Qi). Nella sua evoluzione, la medicina cinese ha sviluppato una concezione del corpo umano come rappresentazione di un universo in miniatura. In questo contesto, ha assunto importanza anche la funzione del Qi inteso come energia interiore la cui qualità e il cui flusso più o meno armonico influenzano lo stato di benessere o l´insorgere della malattia. Secondo questa teoria, il Qi è presente negli organi del corpo umano e circola al suo interno seguendo i meridiani vitali, producendo un effetto protettivo sia all´interno che alla superficie del corpo umano. Seguendo il principio che è meglio mantenere la buona salute piuttosto che curare la malattia, il qi gong terapeutico prevede un´elevata quantità di serie di esercizi finalizzati a prevenire gli squilibri del Qi.
ESPERIA PALACE HOTEL
[ESPERIA PALACE HOTEL]
La Testa nel Pallone - Pagina facebook
[TUTTO SULLA TESTA NEL PALLONE]
"La Testa nel Pallone" - Torneo Internazionale di calcio a 6 per ragazzi con disabilita´ psichica.

Realizzazione siti web www.sitoper.it